Vai ai contenuti
Laica non significa Anti-religiosa
Laica non significa Anti-religiosa
“Ma tu celebri matrimoni per non credenti?” Questa domanda mi è stata posta diverse volte

Laica non è Anti-religiosa

Scritto da Rita Ziino · – Tempo di lettura 2 min.
Condividi sui Social

Laica non significa Anti-religiosa “Ma tu celebri solo matrimoni per non credenti?”

Laica non significa Anti-religiosa

La risposta è NO! O meglio la risposta corretta è: Le cerimonie laiche sono per tutti indistintamente: per credenti, per atei, per agnostici etc. La fede non è un argomento che affronto quando mi chiedono di celebrare una cerimonia.

Chi sceglie allora una cerimonia laica?

Innanzitutto le coppie che la scelgono hanno un unico denominatore comune: il desiderio di dare valore ad un evento così fondamentale della loro vita attraverso una cerimonia emozionante e non tradizionale, totalmente originale e che parli di loro e dei loro sentimenti.Ci sono i non credenti certamente, ma anche i credenti e per diversi motivi.C’è stata una coppia ad esempio che durante il periodo del lockdown si è sposata con rito cattolico in chiesa, ma hanno scelto di non invitare nessuno nemmeno per la messa. Erano solo loro, i genitori e i testimoni. Poi la scorsa estate, proprio perché desideravano condividere con amici e parenti la celebrazione vera del loro amore, mi hanno chiamata per una cerimonia laica presso una location sulla spiaggia. Ed è stato bellissimo, hanno provato così il completamento di un passaggio importante che sentivano di aver vissuto a metà.Ci sono poi le coppie formate da due persone con un diverso credo religioso e nel rispetto reciproco dell’altrui pensiero, non vogliono optare per l’una o l’altra religione.E poi ci sono i credenti che però non si sentono vicini alla chiesa, non frequentano e non vogliono prendersi in giro. Con sincerità preferiscono una cerimonia che somigli più a loro, invece che una della quale non sentono davvero il trasporto. Sono in molti infatti a scegliere di sposarsi in chiesa solo per tradizione o perché ritengono il rito religioso più coinvolgente rispetto al Rito civile celebrato in Comune con la sola lettura degli articoli e dell’atto di matrimonio e non conoscono alternativa. Inoltre ci sono quelli che non possono sposarsi in chiesa come i divorziati che credono ancora nell’amore e che si danno un’altra opportunità. E infine le coppie lgbt che per il loro orientamento sessuale non possono scegliere un rito religioso.La cerimonia laica dunque rappresenta tutti, perché umanista. Il fatto che non sia religiosa, però non deve far pensare che una cerimonia laica non possa essere spirituale. Tutt’altro. In una cerimonia laica, protagonisti sono le persone e i loro sentimenti. E non in generale, ma proprio di quella specifica coppia. Passo passo si toccano le corde delle emozioni e, a prescindere del credo religioso di ognuno di noi, le cerimonie esaltano quella parte immateriale ed eterea degli esseri umani finendo per coinvolgere emozionalmente tutti coloro che vi assistono.
Contattami
Se desideri una Cerimonia non tradizionale unica e personalizzata, se vuoi saperne di più sui Riti simbolici o civili, se stai cercando un Celebrante Laico Umanista professionista in Sicilia o Calabria Contattami.
Puoi farlo compilando il modulo che trovi di seguito o attraverso uno dei link social.
Sarò felice di rispondere senza impegno, dandoti tutte le informazioni di cui hai bisogno
I campi contrassegati con * sono obbligatori.
  • Telefono
  • Email
  • Whatsapp